jump to navigation

Creare una Grassa Lista di Iscritti con le Squeeze Page 2012/11/30

Posted by Ivan Rizzo in Autoresponder, Ebook, Fare Soldi Online, Guadagnare, Mailing List, Minisiti, Squeeze Page.
Tags: , , , , , ,
trackback

Squeeze-pageCiao internauta, i segreti dell’internet marketing non hanno fine e in questo post voglio parlarti delle Squeeze Page (lett. Spremi Pagina):

La squeeze page è una pagina web finalizzata ad un unico scopo: acchiappare nome e indirizzo e-mail dell’utente di turno tramite un form opt-in (acchiappanomi).

L’obiettivo di questa pagina di atterraggio è unicamente accrescere la tua mailing list, ossia la tua lista di iscritti.

La mailing list è infatti uno dei mezzi più potenti dell’internet marketing, secondo alcuni guru è l’unico vero modo di creare rendite di denaro, ma io non sono affatto d’accordo infatti penso che l’email marketing debba essere soltanto un modo per incrementare tutto il lavoro che abbiamo fatto.

Tornando alle squeeze page, il motivo per cui si usano esse invece di puntare gli utenti direttamente su i minisiti con vendita diretta, è perchè la maggior parte dei visitatori NON acquistano alla prima visita, ma bensì in quelle seguenti, secondo le statistiche gli utenti su internet acquistano solo dopo aver visto la stessa inserzione almeno 5 volte.

Perciò raccogliere indirizzi email è molto importante, perchè tramite le email in successione (follow-up) inviate con l’autoresponder si possono convertire in acquirenti molti di quei visitatori che non hanno acquistato alla prima visita.

La forza della squeeze page sta proprio nel fatto che “costringe” il visitatore ad iscriversi in quanto è l’unica cosa che può fare oltre ad andarsene, in cambio di informazioni gratuite, generalmente dopo la compilazione del form lo si indirizza verso un report o un video gratuito.

Quando un utente si registra, generalmente si usa far inserire soltanto il nome (senza bisogno del cognome) e l’indirizzo email, questo per evitare che il visitatore diffidente rinunci a iscriversi per paura di mettere troppi dati sensibili.

Far registrare il nome proprio di persona dell’utente è importante perchè con l’autoresponder quando si invieranno i messaggi automatizzati, esso inserirà il nome di persona dell’utente sia nel titolo che nel testo dell’email per catturare meglio la sua attenzione.

Squeeze-Page-DemoE’ importante che la squeeze page sia corta e visibile interamente dal visitatore senza fargli usare lo scroll del mouse, in modo che legga in un attimo l’header rimanendone colpito e sappia subito quali dati deve inserire per ricevere l’omaggio.

Evita nell’header frasi del tipo “iscriviti per ricevere tante news”, è il miglior modo per far fuggire i visitatori.

Il form dell’opt-in è anche importante, deve essere innanzitutto abbastanza grande, insomma non minuscolo, inoltre il tasto di sottomissione dei dati, cioè il “Submit/Invia” dovrebbe contenere un testo che sproni l’utente all’azione.

Per farti capire “Invia” non va bene, ma non va neanche bene “Iscrivimi”, metti una frase del tipo “Si lo voglio”, ad esempio se gli stai promettendo un ebook free sul generare traffico gratuito con Facebook, il testo potrebbe essere “Si dammi il report” o “Si voglio ricevere traffico gratuito”.

Non dimenticare di mettere dei bullet points per elencare i benefici che l’utente riceverà scaricando l’omaggio gratuito dopo essersi iscritto, si esatto devi fare esattamente come quando vendi come avevo spiegato nell’articolo dedicato ai minisiti. L’elenco dei benefici è un elemento che non devi assolutamente trascurare!

La Squeeze page deve avere una testata (header) che colpisca immediatamente il lettore, in modo che continui la lettura ed infine si registri. Inutile dire che l’omaggio che offri dovrà essere qualcosa di molto interessante, e ovviamente di utilità per l’utente. Io ti consiglio un report di una trentina di pagine, non necessariamente tuo, ci sono ebook gratuiti in rete modificabili.

Non mettere troppo testo nella squeze, come ho detto prima devono essere il più corte possibili senza perdersi in chiacchiere ed essere il più sintetico possibile elencando chiaramente la lista puntata dei benefici.

Come per i minisiti, nella squeeze ancora di più non sono ammessi banner lampeggianti, né altri link che distraggono l’utente e che finirebbero per non farlo iscrivere. Infine cosa importantissima, devi rassicurare il visitatore che NON riceverà spam e che il suo indirizzo email non verrà venduto a terzi.

Questo è molto importante, perchè una delle grandi preoccupazioni delle persone su internet è proprio cedere i dati personali, anche per questo ti dicevo che è meglio chiedere solo nome di battesimo e indirizzo email, proprio perchè basta poco per farli desistere ad iscriversi.

Le squeeze page possono acchiappare fino al 70% dei visitatori, tutto dipende dall’offerta in cambio dell’iscrizione, da come è fatta la squeeze (l’header, il testo, i benefici) e ovviamente dal tipo di visite, inutile dire che dovrai comunque indirizzare traffico targhetizzato.

Quindi amico mio avrai capito che l’obiettivo unico delle Squeeze Page è ottenere gli indirizzi email dei tuoi potenziali acquirenti in modo da poterli convertire in acquirenti tramite le email che invierai loro nel tempo.

Perchè ricorda che quando un visitatore arriva sulla tua pagina di vendita e non acquista se ne va, e tu hai così perso un potenziale acquirente, ma se invece egli si iscrive prima alla tua lista, allora potrai convertirlo con tutta calma nel tempo, infatti appena iscritto potrai indirizzarlo nella sale letter, e se non acquista, beh forse lo farà quando rivedrà il sito più avanti no?

Inoltre potrai promuovergli via email anche altri prodotti, insomma le squeeze page combinate alla mailing list possono essere una miniera d’oro.

Io spero di esserti stato utile e ci vediamo ad un mio prossimo articolo! Commenta e condividi se ti è piaciuto questo post!

Ivan.

Risorsa consigliata: Squeeze Page Componibile (modelli già pronti!)

Annunci

Commenti»

1. Joe - 2013/11/01

davvero molto interessante come articolo; mi sono da poco imbattuto in questo argomento e per i meno esperti di programmazione consiglio di dare un ochhio a questo

2. naturist massage - 2014/03/03

We all are familiar with calling 9-1-1 in the event of
a fire indoors by ensuring all appliances are turned off before
you leave the caravan and pose less of a threat of explosion.
‘ to a sophisticated automatic fire detection system. For
instance, one of the core areas of concern in case
of a fire, as consequently the lights often go out.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: